ITINERARIO TURISTICO

Paternò vanta una miriade di beni artistici e ambientali. La città offre tanto e un turista attento e meticoloso non può fare a meno di scoprire tutte le bellezze di questo luogo.

Chi visita Paternò non può fare a meno di visitare alcuni monumenti di indiscutibile splendore:

Paternò

Paternò

  • La collina storica e la scalinata della Matrice;
  • Piazza Santa Barbara e le sue tre chiese;
  • Il Monastero dei Benedettini;
  • Il Santuario della Consolazione;
  • San Francesco all’Annunziata; 

Altri punti di notevole interesse sono:

  • Salinelle, manifestazione di un antica attività eruttiva;
  • la sorgente Monafria, le cui acque alimentavano gli antichi Mulini ormai in disuso;
  • i resti del Ponte Romano edificato sul Simeto, poco lontano da Passo d’Ipisi, dove il corso del fiume nei periodi di secca permette il guado;
  • contrada Pietralunga,dove è possibile ammirare l’omonima roccia e l’ex Allevamento di cavalli di epoca Borbonica; da lì procede in direzione di Centuripe sulla Strada delle Valanghe, con la vista inquietante dei calanchi che scavano le colline e si interna in Contrada Poira, inerpicandosi fino a Poggio Còccola;
Pietralunga

Pietralunga

Nei dintorni è presente un altro sito di notevole interesse: il Ponte Barca, uno sbarramento sul fiume Simeto che delimita un’area di notevole interesse naturalistico.

Il Comune di Paternò comprende nel suo territorio gli aspetti diversi e sorprendenti nella natura siciliana. Nei dintorni della bella cittadina, così ricca di storia e di tradizioni, il visitatore può ammirare i contrasti del paesaggio sovrastato dal vulcano: il verde brillante dei floridi agrumeti, gli eterni oliveti dai riflessi argentei, le distese dorate dei campi di grano e lo scorrere tranquillo delle acque del Simeto. Il contatto con la natura, la semplicità e la genuinità della vita rurale, la conoscenza del lavoro in campagna permettono all’uomo moderno, così immerso nel ritmo frenetico del mondo urbano, dominato della tecnologia, di riscoprire una dimensione più vera e di riflettere sulle proprie origini.L’escursione, percorrendo le antiche strade rurali, dalla pianura alle colline, svela tesori inaspettati e testimonianze dell’opera umana in epoche diverse.